La Fisica nel Golf : il MOI

Rubrica dei consigli dell’esperto. La fisica è lo studio della materia , dell’energia, e di come queste interagiscono tra loro ed è presente in tutto quello che facciamo : golf incluso. Ce lo conferma – nella nostra rubrica – Giuseppe Guttuso con le sue osservazioni sul Momento di Inerzia nel golf. ( Moment Of Inertia )

Il momento di inerzia è la misura della resistenza di un corpo a mutare la sua velocità di rotazione attorno a un asse, quindi più alto è il MOI maggiore sarà la forza necessaria per mettere un corpo in rotazione rispetto a un asse, per contro più basso è il Momento di Inerzia meno forza sarà necessaria per metterlo in rotazione.

Per fare un esempio non golfistico che tutti conosciamo, basta pensare ai pattinatori quando fanno le trottole: quando ruotano e hanno le braccia aperte hanno un alto Momento di Inerzia e quindi ruotano più lentamente, quando poi mettono le braccia vicino al corpo, il MOI crolla creando meno resistenza alla rotazione e consentendo quindi al pattinatore di accelerare la propria rotazione. Ma come si inserisce il discorso MOI nel golf ? Se, ad esempio lo si riferisce ai bastoni possiamo affermare che i bastoni da golf possono avere vari MOI, dipende quale asse di rotazione si prende in considerazione.

C’è, per esempio, un Momento di Inerzia per l’intero bastone se si considera come asse di rotazione il golfista che esegue lo swing, ma ci sono anche 3 differenti MOI relativamente alla testa del bastone e due di essi sono molto importanti nella progettazione di qualsiasi bastone da golf.

Il primo si ha quando si colpisce la palla fuori dal centro del bastone: anche se la testa è attaccata allo shaft, questa tenderà a ruotare sull’asse verticale che passa per il Centro di Gravità del bastone; In termini di marketing, questo è il valore che determina la “facilità” o tolleranza all’errore di un bastone da golf in caso di colpi presi fuori dal centro della faccia. Più grossa è la testa e maggiormente i progettisti spostano il peso sul perimetro del bastone, maggiore sarà il MOI della testa quindi la testa ruoterà meno e conseguentemente si avrà meno perdita di distanza nei colpi presi fuori dallo Sweet Spot. Ovviamente tutto il contrario in caso di teste piccole e non perimetrali.

Il secondo si ha nel downswing quando il giocatore esegue il colpo, la testa ruota intorno all’asse che passa nel centro dello shaft. Questo fa riferimento al MOI della testa del bastone rispetto all’asse dello shaft. In questo caso non è la distanza del colpo ad entrare in gioco quanto la precisione dei colpi. Maggiori saranno le dimensioni della testa o maggiore sarà il peso posto lontano dallo shaft, sulla punta della testa, maggiore sarà il MOI relativo all’asse dello shaft, quindi maggiore sarà la tendenza per un golfista a lasciare la faccia aperta all’impatto. Nel caso invece di teste più piccole o peso più verso il tacco della testa del bastone avverrà l’esatto opposto: maggiore sarà la tendenza per un golfista a ruotare la faccia chiusa all’impatto. Possiamo vedere la cosa analizzando tanti driver moderni in cui c’è la possibilità di muovere un peso sulla testa: notiamo infatti che se lo spostiamo verso il tacco lo mettiamo verso la scritta DRAW mentre se lo spostiamo verso la punta andiamo verso la scritta FADE.

Come detto prima esiste anche un MOI relativo all’intero bastone. Maggiore sarà la lunghezza del bastone, il peso della testa, il peso del bastone completo di testa shaft e grip, maggiore sarà il MOI e viceversa. Il MOI del bastone, che si può identificare nello Swing Weight, è importante per riuscire ad avere la stessa sensazione di swing in tutti i bastoni. In teoria se tutti i bastoni hanno lo stesso identico MOI il giocatore è più consistente in quanto ogni bastone richiederà lo stesso sforzo per lo swing, poi in realtà su bastoni tipo Sand Wedge o Lob Wedge si tende sempre ad avere uno Swing Weight più alto, quindi il peso più verso la testa, per permettere loro di entrare nella sabbia o nel rough più facilmente in colpi dove raramente si effettua un full swing.

…. Giuseppe Guttuso ( per ilmiogiocodelgolf ) .

Questa voce è stata pubblicata in I consigli dell'esperto e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.