Evoluzione delle Palline da Golf

La letteratura disponibile formula molte teorie sull’origine del golf e sull’evoluzione delle attrezzature e delle regole che disciplinano questo sport. Nell’articolo precedente ( Le origini del golf : il gioco, pubblicato su questo blog il 20 Ottobre 2014) ho cercato di sfoltire le numerose teorie esistenti dando credito solo a quelle che,sostituzione_pallina_da_golfsecondo la logica e l’evolversi dei fatti, risultano essere le maggiormente credibili ed anche sponsorizzate dagli storici esperti in materia. Studiare la storia del golf – per chi lo pratica e ne condivide le gioie ed  i dolori – è utile per meglio afferrarne lo spirito ed aumentare le proprie conoscenze tecniche, ” La istoria è la maestra delle nostre azioni ” diceva Machiavelli, certamente non riferendosi al golf ma all’evoluzione del genere umano, includendo in tal modo anche il divenire dei costumi e delle abitudini che hanno accompagnato la trasformazione e la crescita della società umana. Ed il gioco del golf è sicuramente uno dei tanti figli nati dall’evoluzione dei costumi e delle abitudini praticate da quella società a partire dal XV secolo in poi. Le testimonianze storiche più accreditate datano infatti a quel secolo la nascita delle prime mazze con le quali si percuoteva una pallina di legno per farla rotolare lungo un percorso sino a destinazione : c’è chi sostiene che la destinazione fosse una buca, altri che il punto d’arrivo era  il sagrato di una chiesa oppure…chi più ne ha più ne metta!

Di certo la pallina era di dimensioni variabili ( non molto lontane però dalle attuali ) ma non ancora standardizzate, era fatta di un legno molto duro ricavato dal faggio o dal bosso. Il materiale usato per quelle palline ben si adattava al gioco del periodo che non conosceva né la varietà dei tipi di bastoni e tanto meno il disegno di percorsi molto articolati e preparati per tale attività; se ne deduce ovviamente che le tecniche di gioco  fossero inesistenti o – quando presenti – piuttosto rudimentali.
E’ solo verso la fine del sec. XV che la pallina deve cominciare a soddisfare un domanda di gioco più sofisticato che prevede quindi tipi di bastoni diversi e percorsi un po più graditi alla high class che in quel periodo era la sola a godere di quello svago. Nasce così la pallina di pelle riempita con piume d’oca o pollo (o altro pennuto) che vengono prima bollite e quindi pressate in un piccolo sacchetto fatto di spicchi di pelle cuciti tra loro con punti molto stretti, lavorati poi da esperti artigiani che ne garantivano la necessaria sfericità. Ovviamente il tutto aveva costi molto alti dovuti sia alle lavorazioni ( pochi artigiani erano specializzati in questa attività) che al continuo ricambio di palline, dovuto al fatto che le stesse non resistevano per molto tempo alle percosse dei bastoni. E’ in quel periodo che nasce  la figura del Caddy impiegato soprattutto nella ricerca e recupero di quelle costose palline quando erano perse lungo il percorso.
Ma la vera svolta avviene nel 1848 ad opera di Robert Adam Paterson che inventò la pallina fatta di Gutta -Percha (Guttie), un lattice ricavato da un albero della Malesia; questa sostanza – una volta riscaldata e ammorbidita – poteva essere arrotondata e portata a dimensione con maggiore facilità offrendo altresì la possibilità di una ricostruzione della superficie sferica quando questa veniva danneggiata dai colpi ricevuti durante il gioco. L’adozione di queste palline favorì la maggiore diffusione del gioco grazie all’abbassamento dei costi di produzione ed all’evoluzione qualitativa del gioco dovuta sia alle nuove palline che ai bastoni utilizzati.

Balls

( La figura mostra l’evoluzione delle palline da golf : Wood Ball (in legno), Featherie Ball (di piume rivestite in pelle, Gutta-Perche, Haskell.)
Per circa 50 anni non si verificarono cambiamenti e fu solo agli inizi del 1900 che la pallina da golf approdò ad una composizione fatta da un filo di cauciù molto lungo ed arrotolato su un nucleo di materiale solido ricoperto poi da un rivestimento Balata : la pallina Haskell ( così chiamata dal nome dell’inventore Coburn Haskell ). Le prime produzioni di palline ricoperte in Balata furono avviate da Spalding nel 1903. Queste vennero poi lavorate in vari modi sulla superficie per adattarsi alle diverse tecniche di gioco. E proprio nel 1930 la British Golf Assoc. fissò la standardizzazione della pallina da golf seguita, nel 1932, dalla United States Golf Assoc. definendo le seguenti misure : peso max 45,93 gr, diametro non infer. a 42,67 mm, velocità max 76,2 mt. al secondo.
162151985-569e0733-188b-4ca5-a7da-466dac5673b7Attualmente  le palline si differenziano tra loro tanto per il materiale del rivestimento quanto per  la composizione e la compressione dell’interno (palle in due, tre pezzi, palle multistrato, nuclei liquidi, nuclei in titanio, schiume, ecc.) e per la tipologia dei dimples (fossette circolari) che costellano lo strato esterno. Le diverse composizioni dei materiali impiegati e delle tecniche costruttive sono offerte per soddisfare le tecniche di gioco divenute sempre più sofisticate anche nelle categorie amatoriali. Per semplificare diciamo che tali caratteristiche rispondono meglio alle qualità di gioco espresse in campo : i giocatori migliori preferiscono palle più morbide e con maggiore rotazione,  esse offrono una maggiore manovrabilità nei colpi in prossimità del green; mentre i principianti preferiscono palle più dure che dovrebbero ridurre le possibilità di errore nei colpi lunghi consentendo distante maggiori.  ( mai come in quest’ultimo caso il condizionale è d’obbligo ..)
E per concludere completando il tutto e restando ai giorni nostri, invitiamo chi volesse vedere gli attuali sistemi produttivi per fabbricare le palline da golf a cliccare l’immagine sottostante. Buona visione a tutti.
Fabbricazione pallina da golf - 5 min.

Fabbricazione palline da golf

(saf)

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Golf history e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...